Lo scorso dicembre abbiamo assistito al rituale prevedibile e triste che si verifica ogni tre anni: la divulgazione dei risultati del Brasile nell'esame PISA (Programma per la valutazione internazionale degli studenti, Programma internazionale di valutazione degli studenti). Promosso dall'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), valuta l'apprendimento dei giovani dei paesi partecipanti, nei settori della lettura, della matematica e della scienza.

Come ampiamente pubblicizzato, la nostra performance è stata ancora una volta scarsa e in ritardo non solo tra le nazioni benestanti, ma anche innumerevoli paesi in via di sviluppo e anche i nostri. E così è stato dalla prima edizione, nel 2000, quando l'allora Presidente della Repubblica non avrebbe potuto porre una domanda più pertinente al Ministro della Pubblica Istruzione, quando ha proposto la partecipazione del Brasile: e se fossimo gli ultimi? Dopotutto, questo è ciò che è effettivamente accaduto in seguito.

E prevedibile come la nostra scarsa performance ad ogni applicazione della valutazione è il diluvio di rimpianti, critiche e soluzioni proposte, che si presentano nei giorni successivi alla pubblicazione dei risultati. Ma indipendentemente da opinioni, governi e contesti economici, molto probabilmente nulla sarà significativamente diverso nel test da applicare già nel 2021, il cui risultato sarà disponibile nel 2022.

In questa inondazione ricorrente ricorrente, un argomento tende a ricevere poca attenzione, in contrasto con la sua importanza e con il suo potenziale per contribuire al miglioramento della formazione dei nostri bambini e giovani: i processi nazionali per la valutazione dell'istruzione di base. È estremamente importante disporre di indicatori sistematici, continui, completi, comparabili e poliedrici, che ci consentano di identificare adeguatamente i risultati positivi, le cui buone pratiche che li hanno prodotti dovrebbero, quando possibile, essere studiate, condivise e generalizzate. E anche per rilevare prestazioni scadenti, le cui cause vengono identificate e risolte, nonché le lezioni apprese e divulgate.

Solo con dati completi e affidabili, è possibile prendere le decisioni necessarie e implementare le soluzioni realistiche, realizzabili e durature - e non avventure, immediatezza o ricette note per essere destinate al fallimento. Qui è dovere patriottico, indipendentemente da convinzioni, partiti e aspirazioni, aggiungere sforzi municipali, statali, federali e privati, per il bene di tutti.

Abbiamo già buone iniziative in questo senso, come Prova Brasil, il National Basic Education Assessment System (Saeb) e, in un certo senso, il National High School Examination (ENEM), ma un problema è sempre stato presente: la grande variazione tra i contenuti insegnati nelle migliaia di istituzioni educative in questa nazione di dimensioni continentali.

La buona notizia è che stiamo finalmente sperimentando l'implementazione della Common Curricular Base (BNCC) comune, che, nonostante non sia immune alle critiche, ha portato a un miglioramento significativo proprio nella standardizzazione nazionale dei curricula scolastici. Pertanto, si apre l'opportunità di rendere le valutazioni più complete, complete e comparabili, anche integrando pienamente la rete di istruzione privata - spesso lasciata in secondo piano - e consentendo di discriminare ulteriormente gli effetti di diversi fattori coinvolti, dal governatore persino l'insegnante in classe, attraverso la gestione della scuola, le infrastrutture e lo studente stesso.

Più recentemente, il governo federale ha studiato i cambiamenti nel SAEB, che includerebbe più gradi e aree di conoscenza, oltre a creare la valutazione nazionale della fluidità per misurare il livello di lettura nel 2 ° anno di scuola elementare. Sebbene meritino dibattiti e miglioramenti, sono cambiamenti che propongono importanti progressi che possono effettivamente contribuire alla qualità e alla ricchezza dei dati disponibili per l'amministrazione delle politiche educative.

Ancora più vantaggioso e auspicabile è che i risultati di queste valutazioni siano collegati, in modo equo, ragionevole e appropriato, alla remunerazione dei dirigenti e alla carriera di insegnante nelle reti pubbliche, nonché ai processi regolatori nella rete privata. Dopotutto, l'informazione è inutile se non si traduce in effetti concreti.

Pertanto, per parafrasare il generale romano Pompeu, in un'espressione eternizzata dallo scrittore portoghese Fernando Pessoa, è necessaria una valutazione, non è necessario rimpiangere. Se navigare in quel momento significava salvare la popolazione di Roma dalla fame, migliorare la valutazione dell'istruzione di base nel contesto brasiliano è un primo e importante passo per soddisfare il nostro bisogno di istruzione di qualità, sviluppo nazionale e giustizia sociale.

Jeanfrank TD Sartori

Gazeta do Povo, 01/2020

Link originale | PDF di pubblicazione

Nell'istruzione brasiliana, è necessaria la valutazione,

il rimpianto non è necessario

(Tradotto dal portoghese da Google)